… fine di un prododtto di nicchia …

Home Forum …::CHIACCHERE DA BAR::… … fine di un prododtto di nicchia …

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 31 totali)
  • Autore
    Post
  • #5816
    Francesco
    Membro

    Il 15 ottobre 2009, la Buell annuncia la decisione di cessare definitivamente la produzione delle proprie moto. (da La Repubblica)

    secondo me è un vero peccato ….

    #42310
    tiz
    Partecipante

    @Francesco wrote:

    Il 15 ottobre 2009, la Buell annuncia la decisione di cessare definitivamente la produzione delle proprie moto. (da La Repubblica)

    secondo me è un vero peccato ….

    L’ultima Buell è già stata prodotta.

    http://www.bt1100v3.carnysoft.be/viewtopic.php?f=14&t=501

    😕

    #42311
    Francesco
    Membro

    la serie streefighter , escludendo la 1125cr. sembrano esteticamente molto simili ….. pero che belle …. anche la 1125 cr è molto bella !

    sara che noto una certa somiglianza con la nostra …in fondo bull/buell … ci siamo ….

    #42312
    Anonymous
    Membro

    anche secondo me è un vero peccato, ma come mai questa decisione? tutta colpa di questa maledetta crisi???

    #42313
    rosso65
    Moderatore

    Concordo un pò con Francesco forse è l’unica moto che riesco a paragonarla alla nostra Bulldog, per carità due cose diverse, ma… io l’ho sempre vista un pò così, come la nostra specialmente la xb12s , due cilindri, nuda, molto particolare, anche lei molto personalizzata dai suoi possessori, un vero peccato che sia finita così , eppure dietro c’è un colosso come l’Harley Davidson, …….per salvare il gigante hanno preferito chiudere la piccola, una fine immeritevole.

    Il motociclista non si perde mai........trova solo la strada più bella

    #42314
    ponch71
    Partecipante

    «Harley-Davidson, Inc. ha presentato oggi i risultati del terzo trimestre e ha annunciato la sua strategia futura, focalizzata sulla crescita attraverso un solo marchio, concentrando le sue forze e risorse sul marchio Harley-Davidson. Come parte di questa strategia, l’Azienda intende cedere MV Agusta e chiudere Buell».

    Con queste quattro righe l’azienda motociclistica statunitense liquida, dopo 14 mesi l’azienda motociclistica di Schiranna, che con questa vendita è al secondo benservito in meno di tre anni, dopo l’acquisto e la rivendita lampo da parte della malese Proton.

    «Il nostro obiettivo nell’acquisire MV Agusta lo scorso anno era ampliare la nostra presenza in Europa e questo è stato un riconoscimento del valore di MV Agusta. Benché la crescita in Europa e in altri mercati globali rimanga molto importante, crediamo che focalizzarci solo sul marchio Harley-Davidson sia la miglior soluzione per la crescita – è la dichiarazione ufficiale, affidata a un comunicato, di Matt Levatich, Presidente e COO di Harley – Davidson – Non è stata una facile decisione. MV Agusta è una grande azienda con un forte marchio e un’importante storia, eccellenti prodotti e un team appassionato che in questi 14 mesi ha conseguito ottimi risultati».

    Saranno stati anche ottimi – l’ultimo è il lancio della nuova Brutale , la prima dopo il pensionamento dell’ingegner Tamborini e la prima con un Ceo per MV Agusta tutto nuovo, Enrico D’Onofrio, letteralmente strappato a Ducati con tanto di strascichi giudiziari – ma non sufficienti a salvare la MV Agusta da una ennesima, e con tutta probabilità difficile, vendita.

    Ovviamente, in Harley prevale l’ottimismo: «Con un business importante e molti progetti in sviluppo, siamo convinti che MV Agusta sia posizionata molto bene per il futuro» afferma Levatich. Ma dagli uffici varesini si sa solo che la sede americana sta cercando «il miglior acquirente». Per il resto, sembra un fulmine a ciel sereno: i lavoratori l’hanno saputo dal comunicato americano, i sindacati erano totalmente all’oscuro della notizia. MV Agusta, in Italia, ha conservato solo la sede di Schiranna (l’unità produttiva di Cassinetta, infatti, è stata venduta a Husqvarna un anno fa): all’interno vi lavorano circa 200 dipende

    #42309
    Anonymous
    Membro

    😯 😯 😯 che storia… ❗

    #42315
    paolo
    Partecipante

    possibile che in italia la fiat abbia avuto fior di quattrini per salvarsi e (….va bene, ma solo per i posti di lavoro… ❗ ❗ ❗ ) e non abbia mai restituito niente…. magari si poteva salvare qualcun’altro….

    #42316
    ponch71
    Partecipante

    Prova a dirglielo tu agli agnelli che non è giusto che abbiano rubato cosi tanto 😈 😈 ti rispondono che hanno fatto quello che si poteva fare che siamo noi gli stupidi a pagare ………………

    #42317
    paolo
    Partecipante

    .. hai ragione…. e la cosa più grave è che gli stronzi per cui abbiamo o hanno votato (mettila come ti pare) non hanno nemmeno impedito l’apertura degli stabilimenti in Polonia e altrove ….se manca il lavoro in Italia tu sei in difficoltà e ti devo aiutare ti aiuto in Italia e basta… se sei Italiano e hai gli stabilimenti all’estero prima chiudi quelli poi quelli itliani ❗ ❗

    #42318
    ponch71
    Partecipante

    In toto 100% :mrgreen: :mrgreen: a questo punto dato che producono su paesi dove costa meno la manodopera Dazio e iniziamo a rompergli il culo su sto cazzo di made in italy che è una merda prodotta all’estero …………….

    #42319
    paolo
    Partecipante

    …non è giusto pagare 12.000 euri una 5oo fatta in Polonia dove un operaio costa si e no 300 euro al mese …. i materiali con cui è fatta e mettiamoci un guadagno da paura ne giustifica si e no la metà

    #42320
    Anonymous
    Membro

    paolo credo che il tuo discorso valga per tutte le case automobilistiche in genere, o perlomeno tutte le grosse case hanno stabilimenti nei paesi emergenti… 🙄

    #42321
    tiz
    Partecipante

    Ve ne dico una riguardante il settore in cui opero:

    il Marchio VENINI è sicuramente il più famoso nel mondo per quanto riguarda il vetro di Murano , bene , da tempo ormai non produce più a Murano ma bensi in un non ben identificato paese straniero 😯 nell’isola mantiene solo un negozio che serve per mantenere l’immagine 😕 Un vaso di Venini , il più piccolo , alto 10 cm , lo paghi 200 eurozzi , il suo costo reale è di 15 euro.

    😉

    #42322
    ponch71
    Partecipante

    Un carrello elevatore europeo 2500kg siamo sull’ordine dei 40-50.000,oo€ un di pari orientale lo importi con circa 5-6.000,oo € che poi lo vendono a circa 30.000,oo€ e non ti forniscono l’assistenza perche i ricambi si trovano con un attesa di 6 mesi …………..

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 31 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.