il fascino della guida su strada

Home Forum …::CHIACCHERE DA BAR::… il fascino della guida su strada

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 12 post - dal 1 a 12 (di 12 totali)
  • Autore
    Post
  • #5942
    rosso65
    Moderatore

    Quante strade facciamo con la moto! Tra quelle che mi avete indicato qualcuna la conosco: Vernasca, la Cisa e l’appennino tosco-emiliano, il Penice, il passo Giau, le Gorges di Verdon in Francia e qualche altra. Ma naturalmente molti di voi hanno sottolineato che per andare a manetta c’è la pista. Su strada non si fa, manco a pensarci.
    Tutto giusto, però a questo punto voglio cercare di capire cosa intendiamo per andar forte, andare adagio, andare in pista e non andare affatto. Perché c’è dell’esagerazione in certe uscite di qualcuno di noi: adesso sembra che sulla strada non ci si possa nemmeno divertire un po’, e a me non sembra del tutto vero.

    Autostrada. Chiaro che non possiamo superare i 130, secondo i miei calcoli diciamo i 140 indicati. Qualcuno sostiene che il sistema Tutor non rileva le velocità effettive inferiori ai 150 addirittura, l’ha scritto anche la Gazzetta dello Sport, ma sono voci e di verificarlo non lo consiglio. Troppo oneroso. In ogni caso l’autostrada non è mai stata divertente, manco a 250 all’ora, e dunque niente di nuovo.

    Statali di pianura. A cento all’ora viene sonno, certo, ma, con il traffico che c’è, l’unico divertimento possibile sarebbe lo slalom tra le macchine. Penoso, mai interessato. E quanti ne ho visti impastati.

    Strade di collina e di montagna. Ecco, qui viene il bello. Potessimo essere del tutto liberi, come non siamo stati mai perché anche senza i radar c’erano comunque le pattuglie e le multe per “velocità pericolosa” (a totale discrezione dell’agente), pare che per molti sarebbe bello tirare sempre in zona rossa e piegare fino a consumare le saponette della tuta.
    Io dubito che siano numerosi quelli capaci davvero di farlo, e quei pochi provvisti di tutto quel talento possono serenamente andare in pista a mostrarlo.
    Gli altri: sicuri che occorra andare a 150 per piegare sull’Appennino o sulle Alpi? Mi pare che tra i 40 e i 100 all’ora ci sia una bella gamma di curve divertenti da fare: dal tornante da prima alla curva secca da seconda fino alla esse aperta da terza. E se una volta l’ago del tachimetro scappa a 120 non penso che la sfiga sia tale da incarnarsi in una pattuglia.

    Il fascino della moto è la curva, non il rettilineo. E quando una successione di curve ti viene particolarmente bene, con una piega decisa e la traiettoria rotonda e fluida che le raccorda tutte senza correzioni e spigoli, è una bella soddisfazione.
    Tirare le marce al 50% o anche meno, cambiare puliti, sfruttare il freno motore con delle belle scalate progressive: questo è guidare. Invadere le corsia opposta e andare a 200 all’ora non aumenterebbe il divertimento, ma soltanto il rischio.
    A me pare, e a voi?

    No, non sono io che ho scritto tutto questo , l’ho copiato da un pagina di moto.it, che visito spesso su internet, è da un pò di tempo, il grande Nico Cereghini ( e lui l’autore dell’articolo di cui sopra) dice la sua, nel numero scorso citava le strade più belle , che secondo lui erano le più belle da fare in moto e tra i primi tre posti ci stava la Como /Bellagio , per la gioia di ORCHetto, ho voluto mettere quest’articolo perchè mi è sempre piaciuto Nico Cereghini oltre ad essere un buon giornalista è anche un ottimo pilota è ha sempre dato buoni consigli, ricordate? casco, sempre allacciato e luci anche di giorno e…. prudenza sempre. ::ok

    Il motociclista non si perde mai........trova solo la strada più bella

    #44450
    ponch71
    Partecipante

    @rosso65 wrote:

    è ha sempre dato buoni consigli, ricordate? casco, sempre allacciato e luci anche di giorno e…. prudenza sempre. ::ok

    Vero anche quando era vietato girare con le luci accese di giorno in moto e pigliare la multa :mrgreen: :mrgreen:
    Comunque tutto vero la compagnia con cui esco sono tutti piloti da rettilineo ………come li chiamo io :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    #44451
    Foto del profilo di Facebookdagolino
    Partecipante

    Vero , Nico e’ sempre piaciuto anche a me .
    Pero’ comunque , spesso quando vai fuori in compagnia scatta la gara
    sembra essere una caratteristica comune a tanti motociclisti .
    Per questo forse un motociclista ” stagionato ” ha piu’ testa , ma solo forse ? :mrgreen:

    #44452
    mauri70
    Partecipante

    infatti talvolta ci si lascia prendere un po’ la mano.. però quando 6 lì sopra, si torna ragazzini…

    #44453
    Foto del profilo di FacebookOrchetto
    Partecipante

    Anche a me Nico Cereghini è sempre piaciuto, da quando nella trasmissione Grand Prix su italia uno, presentava le nuove uscite delle case a due ruote (da li poi la sua frase è diventata famosa 😎 ), ma soprattutto ora, dopo aver letto che gli piace la Como-Bellagio!!! Hihihi :mrgreen: … 😎
    Ciaoooooo :gr 😀

    #44454
    rosso65
    Moderatore

    @Orchetto wrote:

    Anche a me Nico Cereghini è sempre piaciuto, da quando nella trasmissione Grand Prix su italia uno, presentava le nuove uscite delle case a due ruote (da li poi la sua frase è diventata famosa 😎 ), ma soprattutto ora, dopo aver letto che gli piace la Como-Bellagio!!! Hihihi :mrgreen: … 😎
    Ciaoooooo :gr 😀

    Psss…..Se guardi su moto.it di qualche numero fa c’è l’articolo leggilo.
    Ciao 😉

    Il motociclista non si perde mai........trova solo la strada più bella

    #44455
    Foto del profilo di FacebookOrchetto
    Partecipante

    @rosso65 wrote:

    Psss…..Se guardi su moto.it di qualche numero fa c’è l’articolo leggilo.
    Ciao 😉

    😎

    #44456
    Spotlight
    Partecipante

    Su questo libro vi sono molti interessanti consigli per una guida divertente, precisa e sicura.

    Quel che mi è rimasto più impresso è che bisognerebbe guidare sempre con un discreta riserva di sicurezza per compensare eventuali imprevisti, specialmente causati dai comportamenti di altri motociclisti…

    #44457
    Adriano
    Partecipante

    Verissimo!

    Dagli altri motociclisti (in primis i tedesci/austriaci), ma soprattutto dagli automobilisti…

    Il margine di sicurezza fa la differenza tra la vita e… ehm, non parliamone! ::neutral::

    Life is a journey, not a destination !

    #44458
    ptcruiser
    Partecipante

    sulla moto è la testa che fa la differenza…

    #44459
    fernando
    Moderatore

    Anche le palle! Ve lo dico io…….. 😆 😆 😆

    #44460
    Foto del profilo di FacebookOrchetto
    Partecipante

    e tanto tanto Cu.. emm, fortuna ::mrgreen::

Stai visualizzando 12 post - dal 1 a 12 (di 12 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.